“Lo spezzò” / 4

 

 

 

 

Febbraio dello scorso anno: faceva davvero un gran freddo, ma soprattutto si era tutti in attesa di quell’ondata di gelo prevista che poi portò la neve a Roma nella notte tra il 25 e il 26 febbraio. Erano circa le 10 del mattino; la segretaria mi dice: “c’è qui un giornalista radiofonico che vuole farti un’intervista”. Davvero meravigliato, scendo negli uffici e incontro un giovane di Radio Capital, la radio dei tassisti di Roma, che mi chiede se mi può fare un’intervista. La domanda che sarebbe seguita di lì a poco mi avrebbe lasciato senza parole… ed ora a distanza di un anno, mi rendo conto che in quella domanda c’era una chiamata del Signore. La domanda fu: “come vi state preparando come Parrocchia a fronteggiare questa ondata di gelo in arrivo per le persone che vivono per strada?”. Quella domanda mi raggelò, molto più della fredda pioggia che cadeva fuori. Mi raggelò perchè mi resi conto in un istante che avevo dentro un grande peccato di indifferenza, quello di non aver per nulla pensato a quanti dormono per strada… io che invece ero al calduccio nella mia camera. Si… è vero facevamo già tanto per i poveri, ma evidentemente mi sbagliavo. Il giornalista mi fece l’intervista che andò in diretta quella mattina su Radio Capital: feci un appello perchè portassero da noi coperte, piumoni, sacchi a pelo e indumenti invernali. In meno di 48 ore la Sala S. Annibale fu sommersa; ma ora dovevamo anche portarli ai poveri! Così, dopo un appello fatto in chiesa, uscimmo la sera del 25 febbraio per raggiungere, dove potevamo, le persone che vivevano per strada. Con alcuni scambiammo parole amichevoli, con altri non fu neanche possibile parlarci: erano agglomerati umani deposti sul marciapiede. Li coprimmo solo con altre coperte. Mi ricordo che uno a piazza Vittorio si chiamava come me e veniva da Palermo e non finiva mai di ringraziarci. Un altro davanti la Scala Santa si chiamava Giuseppe e da poco ho saputo che è deceduto. Tornammo a casa verso mezzanotte, congelati ma felici. Di lì a poco cominciò a nevicare. Dopo quella sera, in tutti restò  il desiderio di proseguire quella esperienza. E così nacque il “Gruppo Lazzaro” che conosciamo in questa Domenica. Circa 15 fratelli della nostra comunità ogni lunedì cucinano e portano da mangiare ad altrettanti fratelli che vivono per strada. Periodicamente li invitiamo anche qui da noi in Parrocchia per un ricco pranzo, come è stato ultimamente per S. Giuseppe. Il gruppo prende il nome dal povero rimasto per strada, ucciso dall’indifferenza dell’epulone nell’omonima parabola di Gesù. Non a caso Lazzaro significa in ebraico: “Dio guarisce”. Ma non sono loro a guarire con la nostra carità, quanto piuttosto noi a guarire dalla nostra indifferenza. Grazie “Gruppo Lazzaro”! Speriamo tanti parrocchiani si uniscano a voi! Grazie di tutto quello che fate!

        P. Pasquale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

01 APRILE:  PREGHIERA PER I MALATI

Il 1° aprile è il 1° lunedì del mese: alle 18,00 c’è la preghiera di intercessione per i malati, animata dalla Comunità di S. Egidio.

 

 

 

 

 

04 APRILE:  S. MESSA ANTICIPATA ALLE 18,00

Giovedì 4 aprile per esigenze pastorali, la S. Messa vespertina è anticipata alle ore 18,00. Alle 17,30 Rosario e Reposizione Eucaristica.

 

 

 

 

 

 

04 APRILE: “REDDITIO” DI ALCUNI PARROCCHIANI

Giovedì 4 aprile alle ore 19,00 ci sarà la celebrazione solenne dei Vespri durante la quale alcuni fratelli della nostra Parrocchia che fanno il cammino neocatecumenale, giunti alla tappa della “Redditio Symboli” (Restituzione del Simbolo della fede), faranno la professione pubblica della fede testimoniando il loro cammino di conversione. E’ una celebrazione pubblica per cui tutti siamo invitati a partecipare.

 

 

 

 

 

 

04 APRILE:  PREGHIERA PER LE VOCAZIONI

Il 4 aprile è il 1° giovedì del mese: alle 21,00 c’è la speciale preghiera di adorazione per le vocazioni, animata dalla Corale parrocchiale.

 

 

 

 

 

 

BENEDIZIONE PASQUALE DELLE FAMIGLIE

Da questa Domenica trovate sui tavoli in fondo alla Chiesa, le schede per prenotare la benedizione pasquale. Come sempre occorre compilare la scheda in tutte le sue parti e consegnarla in segreteria, in sacrestia, ad uno dei sacerdoti o metterla nella buca della posta. Le benedizioni,  previo accordo telefonico, non cominceranno prima della Settimana  Santa e proseguiranno per tutto il Tempo pasquale.

Trovate qui il MODULO BENEDIZIONI 2019 da scaricare, compilare e reinviare in parrocchia, anche via mail (p.santiantonioeannibalemaria@gmail.com).

 

 

 

 

 

 

 

ORARI MOSTRA PERMANENTE DEI PRESEPI

  Sabato 17 – 20 / Domenica 9,30 – 13/17 – 20.  La mostra è al 2° piano sul matroneo della Chiesa: si accede dalle scale. Troverete un  registro per i commenti e una bussola per le offerte. Grazie! Visitatela!

 

 

 

 

 

QUARESIMA 2019

 

 

 

 

 

APPUNTAMENTI DI QUESTA SETTIMANA

 

 

 

 

IV DOMENICA DI QUARESIMA “Laetare” 31 MARZO ”GRUPPO LAZZARO” – “Lazzaro giaceva alla sua 

porta” (Lc 16,20)  LA CARITA’ DELLA DIGNITA’

 

 

Oggi, oltre alle testimonianze, trovate nei banchi un foglietto e una busta. Il foglietto serve per aderire al “Gruppo Lazzaro” o per suggerire iniziative. La busta è per contribuire alla cucina componibile che il Parroco sta facendo allestire al II piano per cucinare per i poveri, ma anche per le feste e i momenti di comunione parrocchiali: siate generosi. (La cucina sarà inaugurata a Pasqua). Troverete i volontari del “Gruppo Lazzaro” in fondo alla chiesa per raccogliere le schede e conoscerli.

 

 

 

 

 

 

VENERDI’ 05 APRILE ORE 20,00 – PROCESSIONE DEL CRISTO CROCIFISSO E DELLA SUA SS. MADRE ADDOLORATA

IN FORMA DI VIA CRUCIS PER LE STRADE DEL NOSTRO QUARTIERE

 

In questo venerdì è soppressa la Via Crucis delle ore 17,00   

         

                                                                                   

via Matris: Sabato 6 aprile alle 18,00 

 

 

 

 

V DOMENICA DI QUARESIMA – 07 APRILE

CARITAS PARROCCHIALE”  “Lo avete fatto a me!” (Mt 25,40)

NON DARE AGLI ALTRI IL TUO SUPERFLUO

 

 

 

 

Tags: , , , ,

Lascia un commento